jtemplate.ru - free Joomla templates

Basilica di San Sebastiano - Madonna del Rosario con Santi Domenicani

foto del dipinto 

IGNOTO (secolo XVII)

Olio su tela rettangolare priva di cornice. - Cm.157 x 131.

Provenienza: antica Chiesa di S. Sebastiano ?

La tela è dominata dalla figura eminente della Vergine col Bambino, mentre più in basso figure di santi domenicani riempiono la scena. La Vergine, infatti, è seduta su un trono di nuvole, contro un cielo rischiarato dalla luce che emana da Lei, vestita di un abito rosso acceso e di un manto dall’intenso colore azzurro . Due angioletti in volo le tengono sospesa sul capo una ghirlanda di rose, mentre Ella volge dolcemente lo sguardo verso il basso, sorreggendo con il braccio sinistro il Bambino. Questi, completamento nudo, come se si fosse appena liberato dal bianco panno sul quale è seduto, guarda incuriosito il fiore che tiene tra le mani. S. Domenico, genuflesso sulla destra, e perduto nell’estasi della celeste visione, tiene la parte terminale di una catena che S. Caterina de’ Ricci gli porge da sinistra. La Santa, chiamata lapassiflora di Cristo, contempla i simboli della Passione : infatti, oltre alla catena e ai tre chiodi della crocifissione che tiene tra le mani, ha accanto una croce con l’acrostico I.N.R.I. Dietro di lei un santo eremita ed altra figura non identificabile; alle spalle di S. Domenico è chiaramente riconoscibile S. Rosa da Lima, accanto alla quale si vede il volto di un’altra suora, improntato ad espressione di meraviglia .

La tela è molto rovinata e manca dell’angolo inferiore sinistro.

Anche per questo dipinto è difficile fornire indicazioni precise. Si tratta comunque di opera riconducibile all’area culturale messinese della seconda metà del Seicento. Della stessa opinione è il Bilardo, che cita il dipinto come una delle opere superstiti tra quelle ricordate dal Cutrupia nell’antica chiesa di S. Sebastiano.

Bibliografia : G. CUTRUPIA, 1731, p.43; C. BIONDO, 1986 , p.179 ; A. BILARDO , 1997, p. 126.

 L. Aloisio - M.R. Naselli

( tratto da Il Mosaico della Memoria: Pittura e Scultura a Barcellona fra Quattrocento e Seicento, - Messina: SICANIA - Edizioni GBM, 1998 )



Comune di Barcellona Pozzo di Gotto
Codice Fiscale / Partita IVA: 00084640838 / Centralino: 09097901

L'Amministrazione Comunale ringrazia la Ditta Ritratti Foto di Ignazio Brigandì per la concessione gratuita delle foto pubblicate nella slide sul portale istituzionale dell'Ente
Copyright 2016 by Comune Barcellona Pozzo di Gotto (ME) - Note legali - Privacy  
                     
Scarica App di Barcellona Pozzo di Gotto versione Android