jtemplate.ru - free Joomla templates

Storia - Patrimonio Storico Artistico - Convento di Sant'Antonio da Padova- La Porziuncola

foto del dipinto 

IGNOTO( sec. XVII-XVIII)

Olio su tela rettangolare chiusa in cornice dorata e stampigliata. - cm.224 x 158

Provenienza: dalla Chiesa conventuale ?

Il tema del dipinto è costituito dall’episodio di cui fu protagonista S. Francesco in una notte del 1216. Trovandosi nella chiesetta della Porziuncola, immerso nella preghiera e nella contemplazione, il Santo ebbe una visione: gli apparvero sull’altare, circonfusa da vivissima luce, Cristo con la Vergine in una gloria di angeli .Richiesto di cosa desiderasse per la salvezza delle anime , il poverello di Assisi ottenne la remissione totale delle colpe per tutti coloro che , pentiti e confessati, avessero fatto visita a quella chiesetta.

Nel registro superiore del dipinto viene perciò raffigurata la Vergine , che, vestita di rosa e avvolta in un manto azzurro, con il capo velato, porge un cartiglio con la scritta "INDULGE / NZIA PLE / NARIA / PPETUA", a S. Francesco genuflesso in basso a sinistra. Accanto a lui un teschio e una croce simboleggiano la fragilità umana e la redenzione tramite la Passione di Cristo.

In alto a destra , Cristo ,seduto sullo stesso trono di nuvole della Madre e come Lei circondato di cherubini, alza la mano destra a benedire e poggia l’altra sul globo. La sua veste rossa è coperta da un manto azzurro mosso dal vento.

Tutto il registro superiore riceve luce dalla presenza dello Spirito Santo raffigurato sotto forma di colomba tra Madre e Figlio.

Di fronte a S. Francesco, S. Antonio, rapito in estasi, reca un giglio nella mano sinistra e tiene sul petto la destra.

Al centro in basso, sulla stessa pedana su cui stanno genuflessi i due Santi, un puttino seduto esibisce un cartiglio e che porta la stessa scritta di quello tenuto dalla Vergine.

Lo stacco fra la zona celeste e quella terrena è sottolineato dalla differente luminostà : ai colori brillanti della parte superiore fanno infatti riscontro i toni più scuri del registro inferiore.

La tela qui schedata è completamente ignota alla bibliografia locale. Attribuibile ai primi decenni del secolo XVIII è opera tutt’altro che scadente probabilmente di pittore attivo nella zona.

Una tela di identico soggetto si trova nella Chiesa dei Cappuccini di Pozzo di Gotto.

Bibliografia: Inedito.

 L. Aloisio - M.R. Naselli

( tratto da Il Mosaico della Memoria: Pittura e Scultura a Barcellona fra Quattrocento e Seicento, - Messina: SICANIA - Edizioni GBM, 1998 )



Comune di Barcellona Pozzo di Gotto
Codice Fiscale / Partita IVA: 00084640838 / Centralino: 09097901

L'Amministrazione Comunale ringrazia la Ditta Ritratti Foto di Ignazio Brigandì per la concessione gratuita delle foto pubblicate nella slide sul portale istituzionale dell'Ente
Copyright 2016 by Comune Barcellona Pozzo di Gotto (ME) - Note legali - Privacy  
                     
Scarica App di Barcellona Pozzo di Gotto versione Android