jtemplate.ru - free Joomla templates

Storia - Patrimonio Storico Artistico - Chiesa di Santa Venera - La Vergine col Bambino e Santa Venera (?)

 

 

foto del dipinto
 
IGNOTO (fine secolo XVI)
 
Olio su tavola rettangolare chiusa entro cornice lignea dipinta. - Cm. 147 x 85.
 
Provenienza: antica chiesa di S. Venera ?.

La tavola, piuttosto rovinata, rappresenta due figure femminili, l’una accanto all’altra, in atto di reggere il Bambino Gesù benedicente. Questi guarda sorridente lo spettatore, mentre con la mano sinistra regge il globo crucigero. La figura di sinistra, seduta, indossa un mantello azzurro su una veste rosa e osserva teneramente il Salvatore. I colori delle sue vesti e l’alone luminoso intorno al capo fanno supporre che si tratti della Vergine Maria. Accanto a Lei una figura di giovane donna con la veste rossa trattenuta da una cintura alta sotto il seno e col manto che le avvolge le ginocchia scendendo fino a terra, rivolge lo sguardo allo spettatore. L’età giovanile farebbe escludere l’identificazione con S. Anna, madre di Maria, solitamente rappresentata con i tratti fisionomici della donna anziana. La figura , pur in mancanza di specifici attributi, potrebbe essere invece quella di S. Venera, la vergine martire nativa di questi luoghi, la cui festa cade il giorno di S. Anna proprio perché, secondo la leggenda popolare locale, per la sua bellezza e le sue virtù la Santa poteva essere figlia di colei che generò la Madre di Dio.

La scena si svolge sullo sfondo di un’architettura visibile solo nella parte alta della tavola.

Il dipinto potrebbe essere quello che il Cutrupia nel 1731 citò sbrigativamente come "quatro di S. Vennera" e disse che era collocato su un altare laterale della chiesa dedicata alla Santa. Nonostante le immancabili ridipinture, risultano abbastanza ovvi, secondo il Bilardo, sia il riferimento all’ambito del pittore messinese Antonello Riccio, sia la proposta di una datazione verso la metà dell’ultimo decennio del Cinquecento.

Bibliografia: G:CUTRUPIA, 1731, p.56.

 L. Aloisio - M.R. Naselli

( tratto da Il Mosaico della Memoria: Pittura e Scultura a Barcellona fra Quattrocento e Seicento, - Messina: SICANIA - Edizioni GBM, 1998 )



Comune di Barcellona Pozzo di Gotto
Codice Fiscale / Partita IVA: 00084640838 / Centralino: 09097901

L'Amministrazione Comunale ringrazia la Ditta Ritratti Foto di Ignazio Brigandì per la concessione gratuita delle foto pubblicate nella slide sul portale istituzionale dell'Ente
Copyright 2016 by Comune Barcellona Pozzo di Gotto (ME) - Note legali - Privacy  
                     
Scarica App di Barcellona Pozzo di Gotto versione Android